elmetto
Monte Jeza (Sl)

Soldati tedeschi armati con mitragliatrici leggere scortano i prigionieri italiani appena catturati verso le retrovie.

1917
Monte Sabotino (Go)

Prigionieri austriaci scendono e rincalzi italiani salgono verso la linea del fuoco.

1916
Monte S. Gabriele (Sl)

In un momento di pausa dei combattimenti soldati austriaci si spidocchiano.

1917
Monte Podgora (Go)

Soldati italiani di passaggio per un camminamento.

1916
Turriaco (Go)

Due bersaglieri distraggono un bambino dalle brutture della guerra.

1915
Monte Sei Busi (Go)

Nelle trincee in muratura, le vedette italiane fanno buona guardia.

1916
Carso (Go)

Retrovie carsiche, soldati fanno scorta di acqua. Spesso sul carso, la sete era un nemico peggiore dei proiettili nemici.

1917
.

Artiglieri italiani alle prese con le operazioni di carica di un obice Armstrong da 305 mm.

1915
Candelù (Tv)

Soldati italiani in attesa dell’attacco austriaco nelle trincee.

1918
Cormons (Go)

Un reparto italiano di riserva durante la distribuzione del rancio.

1916
Cima Ekar (Vi)

Trincee di cima Ekar, circondato dal suo equipaggiamento un soldato austriaco caduto durante la battaglia dei Tre Monti.

1918
Monte San Michele (Go)

I gas austriaci hanno fatto strage nei ricoveri di seconda linea.

1916
Monte San Michele (Go)

Nelle baracche i soldati sono morti nel sonno, colpiti dai gas asfissianti austriaci.

1916

Itinerari

della grande guerra
itinerario Parmesan, la mia prima ferita

Parmesan, la mia prima ferita

L'intento di questa breve guida è di rassicurare il lettore, se decidesse di percorrere oggi quei luoghi tanto cari, ma così terribili narrati dal giovane volontario di guerra, Giulio Bazini.

Cronologia

della grande guerra
battaglia

I grandi avvenimenti della storia

Elenco cronologico di tutti i fatti più importanti della Prima Guerra Mondiale.

Le Battaglie

della grande guerra
battaglia FRONTE DOLOMITICO - Monte Piana 7-8 Giugno 1915

FRONTE DOLOMITICO - Monte Piana 7-8 Giugno 1915

Monte Piana è un capo tignoso in un bacino di Dolomiti.

Il progetto storico-culturale Rileggiamo la Grande Guerra ha come scopo finale la raccolta delle memorie note e non note sui combattenti della Grande Guerra. Il progetto si impegna a ricercare memorie su tutti coloro che hanno vissuto la terribile esperienza del fronte: sia coloro che sono caduti, sia coloro che sono sopravvissuti e hanno tramandato a figli e nipoti i propri racconti.

A completamento della schedatura dei caduti catalogati negli albi d’oro, si affianca anche un lavoro di ricerca su coloro che sono tornati a casa, con conseguente schedatura, quindi, anche dei reduci.

Ogni scheda dell’elenco di reduci e caduti fornisce le notizie basilari di ogni militare. Per chi si accingesse ad effettuare la ricerca di un caduto, un reduce o un gruppo di militari di interesse, è a disposizione un motore di ricerca dotato di tag e parole chiave specifiche, per rendere ancora più semplice, ma articolata, la ricerca.

Per chiunque avesse l’idea di indagare più approfonditamente sulla storia di un proprio parente, combattente nel primo conflitto mondiale, è a disposizione un servizio specifico di ricerca a pagamento offerto dal team di Rileggiamo la Grande Guerra, comprendente vari tipi di ricerca, dai documenti più semplici, alla visita guidata sul campo di battaglia. Per saperne di più, scarica il pdf con il pacchetto delle offerte. Per inviare la domanda di ricerca, clicca sul tasto “richiedi ricerca”.

E’ a disposizione dei visitatori e degli utenti anche un servizio gratuito per collaborare all’incremento della banca dati su caduti e reduci. Clicca sul tasto “segnala un militare” per segnalare mancanze, aggiunte di notizie e foto, correzioni da effettuare su schede già presenti nel database o per richiedere la creazione di una scheda ex novo. Saranno accettate solo richieste complete dei seguenti campi: nome, cognome, anno di nascita, comune di residenza al momento dell’arruolamento e comune di nascita.

Buona visita.